Dipartimento politiche antidroga
 

Ti trovi in: Home : Attività Internazionale : CoE :

CoE

Conferenza Ministeriale del Gruppo Pompidou

Il 3 e 4 novembre 2010 a Strasburgo ha avuto luogo la 15a Conferenza Ministeriale, dal titolo "Verso una politica coerente sulle sostanze psicoattive". Tale tematica è stata sviluppata in quattro key-note presentati da Francia (Incidenti sul luogo di lavoro legati all'uso di droghe lecite ed illecite), Germania (Dipendenza tra le persone anziane), Norvegia (Interventi precoci) e Federazione Russa (Riduzione dell'offerta nel contesto di politiche coerenti su droghe lecite e illecite), e dai successivi interventi dei partecipanti.

In seguito all'approvazione dei risultati delle attività inserite nel programma di lavoro 2007-2010, presentati dal presidente dei Corrispondenti Permanenti, è stata eletta la nuova presidenza del Gruppo Pompidou. E' stata accolta all'unanimità la candidatura della Francia quale nuova Presidenza e di Malta in qualità di vice-Presidenza.

Nella seconda parte della Conferenza è stato adottato il nuovo programma di lavoro per il periodo 2011-2014, ma soprattutto il documento di revisione della struttura e del funzionamento del Gruppo. Infatti, oltre ad essere stata approvata l'estensione del mandato del Gruppo anche alle sostanze psicoattive, è stata decisa la soppressione delle  piattaforme. Esse verranno sostituite da gruppi ad hoc di esperti, considerati più agili e snelli nella loro operatività, che saranno creati dai Corrispondenti Permanenti su tematiche di particolare rilievo ancora da esaminare.

Dopo gli interventi dei rappresentanti politici di ciascun Paese in tema di politiche nazionali, è stata adottata la dichiarazione finale della Conferenza, in cui sono stati ribaditi i principi fondanti del Gruppo Pompidou e l'impegno degli Stati membri ad attuarne il mandato.

Inoltre, nel corso della Conferenza è stato ufficialmente siglato un Memorandum d'intesa tra Gruppo Pompidou e Osservatorio europeo sulle droghe e la tossicodipendenza, che possa garantire il rispetto delle reciproche competenze in materia di droga ma soprattutto assicurare l'efficacia dell'azione e delle attività portate avanti dai due organismi internazionali, evitando inutili duplicazioni e dispersione di energie.

Infine, la Conferenza è stata l'occasione per l'ingresso nel Gruppo Pompidou di due nuovi membri, la Serbia e l'Ex Repubblica jugoslava di Macedonia, nonché per la conferma della prossima adesione del Marocco, ormai Paese attivo nelle attività della Rete MedNET del Gruppo Pompidou.

Lingue di lavoro: inglese e francese.

 

Redatta a cura dell'Unità Affari Internazionali del Dipartimento Politiche Antidroga
(27 dicembre 2010)


DOCUMENTI SCARICABILI

Piede pagina