Dipartimento politiche antidroga
 

Ti trovi in: Home : Attività Internazionale : ONU :

ONU

Assemblea generale - Organi

La struttura interna dell'Assemblea Generale è composta da:

Organi interni

1) Uffici di Presidenza: un Presidente, 21 vicepresidenti e i Presidenti delle 6 Commissioni;

2) Comitati procedurali: Comitato Generale (28 membri, si occupa dell'organizzazione della sessione annuale) e Comitato per le credenziali (9 membri, redige il rapporto annuale all'Assemblea Generale sulle credenziali dei delegati);

3) Comitati Permanenti: Comitato Consultivo sulle questioni amministrative e di bilancio (ACABQ - 16 esperti indipendenti nominati per tre anni, con funzioni consultive in materia amministrativa e finanziaria e di esame dei bilanci degli istituti specializzati) e Comitato per le contribuzioni (18 membri indipendenti con funzioni consultive sulla ripartizione delle spese dell'ONU tra gli Stati);

4) Grandi Commissioni (decidono a maggioranza dei membri presenti e votanti): I Commissione: sul Disarmo e la Sicurezza Internazionale; II Commissione: Economica e Finanziaria; III Commissione: Sociale, Umanitaria e Culturale; IV Commissione: sulla Decolonizzazione e le Questioni Politiche Speciali; V Commissione: Amministrativa e di Bilancio; VI Commissione: Giuridica.


Organi sussidiari, come comitati di studio, commissioni politiche, organi di assistenza amministrativa, agenzie operative e anche organi giudiziari.

Le modalità di voto all'interno dell'AG si possono descrivere nel seguente modo:

  • per le questioni importanti si decide a maggioranza qualificata dei 2/3 dei membri presenti e votanti (non si considerano le astensioni). Vi rientrano:

      1) le risoluzioni in materia di mantenimento della pace e della sicurezza
          internazionale;

      2) l'elezione dei membri non permanenti del Consiglio di Sicurezza e dei
          membri dell'ECOSOC;

      3) l'ammissione, la sospensione e l'espulsione dei membri
          dall'organizzazione;

      4) il regime di amministrazione fiduciaria;

      5) le questioni di bilancio.

  • per le altre questioni decide a maggioranza semplice dei membri presenti e votanti (non si considerano le astensioni);
  • nella prassi si è affermata la tecnica del consensus (i.e. l'acclamazione, che esprime un accordo generalizzato, ma non implica l'unanimità), sia per le decisioni vincolanti che per le mere raccomandazioni.

Tutte le decisioni prese dall'Assemblea Generale sono di norma chiamate "Resolutions", ma solo come sinonimo di "decisioni"; in realtà, esse si suddividono in:

Raccomandazioni (quasi sempre): manifestazioni di desiderio che invitano, ma non obbligano i destinatari a uniformarsi a quanto in esse previsto, sebbene vi sia il c.d. obbligo di leale cooperazione con l'Organizzazione. Molto spesso hanno in annesso una Dichiarazione di Principi (atti di particolare solennità inquadrati nella sfera del soft law, che hanno un'efficacia normativa la cui portata dipende in tutto e per tutto dall'evoluzione del diritto internazionale generale);

Risoluzioni vincolanti, solo nei casi stabiliti dalla Carta delle Nazioni Unite (es. decisioni organizzative, di riparto delle spese tra gli Stati membri).

Redatta dall'Unità Affari Internazionali del Dipartimento Politiche Antidroga
(19 Febbraio 2010)

Piede pagina